<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=335760900262649&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Perché "tuo cugino" non dovrebbe occuparsi della comunicazione social della tua azienda

21 marzo 2018

Tags: Social media, innovazione

di Gianluca Falduto

Hai un negozio, una piccola attività commerciale o un azienda di medie dimensioni? Immagino che la comunicazione aziendale per te sia importante. Una parte rilevante del branding aziendale oggi è rappresentata dalla comunicazione online, ovvero il tuo sito, blog e i vari canali social. 

Forse hai solo una parte della moltitudine di canali business sui social media, tuttavia mi son sempre chiesto: perché ancora nel 2018 è così trascurata la comunicazione online? Ma soprattutto perché solitamente se occupa un parente nelle aziende di piccole dimensioni?

La risposta in parte la conosco: costa meno il cugino/parente rispetto ad uno specialista social, formato e certificato. Poi c’è quel sottile pensiero che gira nella testa del piccolo imprenditore che dice: ma che saranno mai questi social, lo faccio perché lo fanno tutti. Quindi diventa quasi naturale affidare la comunicazione social ad una persona scelta senza criterio, solo per coprire un'esigenza temporanea e senza guardare nel lungo termine.

Ecco tre buone ragioni per le quali tuo cugino non dovrebbe occuparsi della comunicazione social:

  • Il fatto che abbia un profilo Facebook e lo usi per diverse ore al giorno per condividere foto di gattini non fa di lui un professionista, specialmente se vuoi davvero ottenere risultati dall'attività di social media marketing. Per ottenere risultati concreti dai social come dei nuovi contatti o un'immagine coerente con il tuo messaggio aziendale, è necessario che l'addetto sappia redigere un piano editoriale e conoscere dettagliatamente le analytics di ogni piattaforma.

  • A proposito di analytics: il fatto che questo fantomatico cugino sappia usare la tua carta di credito per pagare la pubblicità su Facebook non fa di lui un guru dell’analisi dei dati messi a disposizione dalle piattaforme durante una campagna a pagamento. Le sponsorizzazioni che hai pagato profumatamente a Mark Zuckerberg (il CEO di Facebook) sono piuttosto inutili senza le capacità di trarne le conclusioni analitiche.

  • Il fatto che il cugino riesca ad ottenere molti like provenienti dai paesi mediorientali o dal Messico e il tuo negozio vende in centro Milano non significa che sia un mago e che con poco sia riuscito ad avere successo! C'è una differenza abissale tra l'avere numeri alti di connessioni e avere successo: infatti senza delle precise conversioni, i numeri da soli sono semplicemente delle vanity metrics, cioè delle metriche senza alcun valore analitico.

Con tutto il rispetto per tuo cugino (e non me ne voglia tutto il parentado che si occupa di social), oggi non è mai stato così facile intraprendere delle attività on line, ma allo stesso tempo è diventato molto difficile riuscire ad essere rilevanti ed a convertire i tuoi Euro investiti in vendite concrete.

Adesso prova a chiedere a tuo cugino o al parente al quale hai delegato tutte le comunicazioni social della tua azienda, se conosce almeno in parte gli argomenti di seguito descritti

Sai come si progetta una strategia online e come si pianifica il suo sviluppo?

Sai quali sono le variabili fondamentali da conoscere e tenere sotto controllo?

Sai come utilizzare in maniera strategica Video, Contenuti e Social Media Marketing?

Sai come attirare nuove clienti attraverso posizionamento organico, campagne Pay Per Click, Mobile ed Email Marketing?

Sai quali sono le caratteristiche per un eCommerce di successo?

Sai come aumentare la conversione sulle vendite?

Ora, se tuo cugino ha risposto ad almeno tre delle domande, è sulla buona strada e non è ancora tutto perduto. Però, un buon social media manager conosce in maniera approfondita tutti gli argomenti citati in precedenza e spende tempo in ricerca e studio.

Ti sorprenderà, ma il social media manager... è un lavoro a tempo pieno. Per questo vale la pena assumere una persona che si occupi di tutta l'attività aziendale sui social network, oppure affidarsi ad un consulente esterno.

Puoi leggere l'articolo Social media per le aziende: quanto ne sai? per approfondire l'argomento, oppure puoi scaricare l'infografica cliccando il bottone sottostante per scaricare l'infografica di come il digitale aiuta il settore retail.

Sei un negoziante?  Scopri come il digitale aiuta il tuo settore

 

Gianluca Falduto

Scritto da Gianluca Falduto

Business Development

Potrebbe interessarti