<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=335760900262649&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Alibaba investe $ 1,3 miliardi nel retail offline: cosa significa?

13 febbraio 2018

Tags: Retail, omnicanalità, Retail Trends 2018

di Valentina Formenti

Agli esperti e agli addetti ai lavori del settore retail non sarà sfuggita la notizia che il colosso dell'e-commerce cinese Alibaba ha intenzione di sbarcare fisicamente sul mercato, senza limitarsi alla vendita e alla fornitura dei numerosi servizi che offre online. 

È di questi giorni la notizia che l'azienda ha investito un ulteriore miliardo nella realizzazione della sua strategia di retail offline, acquisendo tra le altre delle quote di mercato del negozio d'arredamento cinese Beijing Easyhome Furnishing. Questa catena è la seconda più grande del Paese nel settore arredamento, con 223 negozi fisici sparsi in 29 province. 

Con questa nuova espansione, Alibaba si ripromette di fornire ai consumatori un'esperienza di shopping in-store, con personale altamente qualificato, usufruendo di tutti i benefici del mobile: ad esempio, testando i prodotti dal vivo e effettuando l'acquisto direttamente online. Le tecnologie di Alibaba aiuteranno anche la catena a migliorare la sua logistica e le sue piattaforme cloud.

Dopo l'acquisizione di Whole Foods da parte di Amazon, molte aziende nate e cresciute online hanno valutato l'opzione di spostare una parte della loro attenzione anche in negozi fisici.
Online goes offline.

Questo significa che ancora oggi, l'importanza di avere una buona strategia di retail offline è fondamentale ed imprescindibile, anche se veniamo costantemente bombardati di notizie che riguardano solamente le strategie online. La strada giusta da seguire è quella dell'integrazione: non fermarsi all'una o all'altra strategia, ma fondere fisico e virtuale, il visual con il funzionale, l'esperienza in-store con la semplicità degli acquisti online. Solo sviluppando una strategia omnicanale si potrà affrontare il cambiamento delle tendenze, dei gusti dei consumatori e delle modalità d'acquisto in maniera efficace.

source

 

_________________ 

 

retail innovation updates mirt

 

Perché partecipare ai nostri Aggiornamenti Retail Trends 2018?

  • Aumentare la "sensibilità" verso il retail, con specifico riferimento all’evoluzione del mondo dei consumi contemporanei, attraverso una “immersione” nei luoghi più rappresentativi delle trasformazioni in atto nello scenario del retail milanese.

  • Raggiungere la consapevolezza del cambiamento, attraverso un continuo lavoro di connessione ispirativa tra il proprio mondo di riferimento e il potenziale ispirativo dei luoghi visitati.
    Stimolate il vostro "pensiero laterale", osservando i case study da una prospettiva nuova e fresca grazie alla guida dei Trendwatcher MiRT.

  • Creare un’occasione di confronto, integrazione culturale e networking (una sorta di think tank itinerante) tra i partecipanti, provenienti da diverse realtà e aziende, con conseguente aumento di coinvolgimento e motivazione.

  • Ricevere una serie di stimoli che opportunamente analizzati possano tradursi in insight ad alto valore aggiunto, applicabili al proprio orizzonte di business.
Aziende come Rolex, Giorgio Armani, IKEA, Leroy Merlin, Nike, Lindt e Luxottica hanno scelto Milano Retail Tour per studiare sul campo le tendenze del retail e stare al passo con i cambiamenti, portando valore al loro interno.

Osate innovare. Milano Retail Tour è lo strumento ideale per intraprendere un percorso di design thinking, confrontarsi con persone provenienti da settori diversi, trarne ispirazione e scambiare esperienze costruttive.

Scopri gli Aggiornamenti Retail Trends 2018 di Milano Retail Tour

 

Potrebbe interessarti