<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=335760900262649&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Gobbi 1842 amplia il proprio target di mercato

09 luglio 2018

Tags: Retail, target, customer, clienti, buyer persona, reputazione online, e-commerce, Shopping, Milano Retail Tour

di Gianluca Falduto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La boutique di Gobbi è collocata in Corso Vittorio Emanuele II, Milano, a pochi passi dal Duomo.

Un luogo di passaggio frequentato da turisti, lavoratori e milanesi DOC, dove Milano esprime sé stessa, conosciuto in tutto il mondo per le infinite possibilità di shopping.

 

Al numero 15 di questa iconica via si trova la gioielleria Gobbi 1842, punto di riferimento dell’alta gioielleria e orologeria del centro di Milano. Si tratta di un’attività giunta alla sesta generazione, con un enorme patrimonio di esperienza nella vendita di prodotti di lusso.

 

Trattando dei prodotti di alta qualità e brand luxe, la gioielleria è frequentata da un target alto, sia dal punto di vista del reddito che dell’età.

 

Con l’avvento di nuove dinamiche di mercato e dell’importanza di essere flessibili, in un mondo in continuo cambiamento, la famiglia Gobbi ha sentito l’esigenza di ampliare il proprio target di riferimento. Il target, quindi le persone alle quali l’attività si rivolge, è un tema delicatissimo e fondamentale. È il primo tassello di una strategia di business, di marketing e di comunicazione; definire un pubblico preciso è il primo passo da fare per rivolgersi alle persone veramente interessate al prodotto. Con queste premesse, stravolgere il proprio target di mercato non è un cambiamento immediato e facile da apportare. In più, data la tradizione e il prestigio della gioielleria, risultava un passo rischioso da compiere.

 

Nello specifico, Gobbi 1842 ha voluto abbassare il suo target alla fascia d’età 35 - 54.

 

Per andare ad abbassare il target verso una clientela più giovane, è necessario impossessarsi degli strumenti adatti a mettere in atto questo cambiamento, senza snaturare la tradizione della gioielleria.

 

Un fattore chiave è modificare la customer experience offerta dall’azienda: la customer experience è il risultato qualitativo derivante da un insieme di fattori, mezzi e luoghi che mettono in contatto il brand con il consumatore.

 

Volendo abbassare il target, il digitale rappresenta uno strumento formidabile per implementare nuove strategie.

 

L’azienda ha saputo intraprendere un percorso di innovazione volto al miglioramento della customer experience mettendo a punto una vera e propria integrazione fra il tradizionale punto vendita (offline) e i canali di comunicazione digitale (web e canali social).  

 la-boutique-gobbi-1842-in-una-foto-degli-anni-30

La creazione dell’ambiente digitale: il sito web Gobbi 1842

Il design e la progettazione di un ambiente di comunicazione fra brand e utente sono fattori molto rilevanti.

Creare un sito web dell’azienda è fondamentale perché questo sarà il primo dei luoghi nei quali entrerà un utente potenzialmente interessato all’acquisto dei prodotti offerti.

Il sito web Gobbi è stato infatti concepito per trasferire il DNA e la storia dell’azienda, ma allo stesso tempo guidare l’utente verso l’approfondimento dell’offerta.

 

 


La creazione di contenuti: Milano Experience e i brand di Gobbi 1842

L’offerta di contenuto e di informazione è un altro dei fattori rilevanti per l’utente più giovane, ma anche per i motori di ricerca come Google, che rappresentano il primo punto di contatto con il cliente. I contenuti infatti aiutano l’azienda ad essere visibile nel momento in cui le persone stanno cercando un prodotto, un’informazione o un servizio.

Perché l’offerta di contenuto sia rilevante è importante elaborare una strategia editoriale.

  
La strategia di comunicazione editoriale è stata strutturata combinando articoli sul tema del turismo e della cultura milanese con articoli inerenti ai brand commercializzati.

Dall’analogico al digitale: il gestionale integrato con il software di CRM

Il punto cruciale che concorre a determinare una buona qualità della customer experience è rappresentato dalla capacità del brand di raccogliere e interpretare le informazioni che vengono generate nel momento dell’acquisto. Questa è un passaggio delicatissimo nel momento in cui si decide di cambiare qualcosa nella strategia aziendale, come l’ampliamento del target.

 

Gobbi 1842 ha perfezionato questa capacità integrando il suo servizio in-store con un sistema di Customer Relationship Management in grado di raccogliere e gestire un’ampia varietà di dati.

Successivamente queste informazioni sono state utilizzate per formulare messaggi e offerte personalizzate (newsletter, email, inviti a eventi, informazione sui nuovi prodotti).

 

Queste attività hanno senza dubbio migliorato la customer experience online e in-store, rivolgendo la comunicazione ad un target più giovane e attento alle dinamiche d’acquisto, in ultima analisi consentendo a Gobbi 1842 essere omnicanale e di incrementare le vendite.

 

                                                                                                            

workshop retail innovazione

 

 

Gianluca Falduto

Scritto da Gianluca Falduto

Business Development

Potrebbe interessarti