<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=335760900262649&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Come scegliere il giusto immobile per il tuo negozio?

11 settembre 2018

Tags: Retail, Retail Trends

di Maria Grazia Squillace

 

Il tema dell’immobile giusto per la propria attività è un tema che coinvolge profondamente chi vuole aprire un negozio, specialmente se si tratta della prima attività, quindi di un imprenditore alle prime armi.

 

Quando si parla di immobili distinguiamo essenzialmente due tipo di situazioni:

La prima riguarda gli imprenditori che sono già proprietari di un immobile e vogliono intraprendere un’attività all’interno di esso ma non sanno esattamente che quale attività. Il ragionamento è: “ho un immobile commerciale, cosa posso fare per metterlo a reddito? (oltre all'affittarlo, ovviamente)

La priorità è proprio il: Cosa apro? Ed è uno dei motivi per cui, in linea di massima, ci si affida alle attività in Franchising. L'avviamento è più semplice e non si deve affrontare tutto da soli.

La seconda situazione al contrario, riguarda gli imprenditori che cercano il locale giusto, da affittare che meglio potrebbe accogliere l'attività che hanno in mente di svolgere.

La loro principale preoccupazione riguarda: “quanto mi costerà allestire e ristrutturare il locale?”

In quest'ultima situazione le priorità sono due: 

1) La location

2) Il prezzo dell’affitto.

"Come scegliere la location” ne abbiamo parlato ampiamente negli articoli e  nei video  precedenti (che si trovano sul canale you tube di MiRT ) mentre sul prezzo dell’affitto valgono altri fattori:

  • I metri quadri che servono alla tua attività
  • La localizzazione (zona centrale, commerciale, periferica)
  • Lo stato in cui si trova l’immobile in sé (totalmente da ristrutturare, fare giusto qualche “ritocchino” oppure domani apro)
  • L’accatastamento

Alcuni consigli utili da considerare quando si visita un immobile sono:

  1. Valutare attentamente la planimetria del negozio e considerare che ci saranno degli spazi “di servizio”, magari indispensabili per poter svolgere l’attività.
  2. L’accessibilità: se si ha un’immobile con scale e scalette, piccole o grandi che siano, sono un ostacolo, non solo per chi ha delle disabilità, ma anche per clienti anziani, mamme con passeggino, persone che hanno un handicap temporaneo…
  3. Il carico e scarico: se l’attività ipotizzata prevede dei rifornimenti con mezzi pesanti, o se la via è stretta può essere un fattore da valutare con molta attenzione, potrebbe incidere pesantemente sulla quotidianità del negozio.
  4. La visibilità: il locale perfetto, potrebbe trovarsi all’interno di cortile, per cui è necessario farlo vedere dalla strada. Idem se è in fondo ad un vicolo, o ad una strada con poca pedonabilità o viabilità.

Questa è una breve, lista di accorgimenti che un “neo” imprenditore dovrebbe prendere in considerazione quando varca la soglia del proprio futuro locale.

 

Approfondisci l'argomento con il video dedicato!

 

 

 New call-to-action

 

 

Potrebbe interessarti