Woolrich: uno store MultiExperience e Homefeeling a Milano.

30 novembre 2017

Categorie: Customer experience, Retail, best experience of the month in Milan, fashion, green

di Elena Favini

Calpestare neve vera e sentire il freddo pungerti il viso - il tutto all’interno di uno store in pieno centro a Milano - è stata un’esperienza polisensoriale stupefacente. Un’avventura fruibile nell’Extreme Weather Condition Room, costruita ad hoc per riprodurre la neve e simulare temperature che arrivano fino a -20°. Una stanza dei sogni che permette di testare i capi di abbigliamento come l’iconico parka Woolrich e di calarsi a 360° nelle condizioni ideali di utilizzo di questi indumenti.

Il racconto sensoriale a contatto con la natura viene esplicitato nei 700 metri quadrati di Woolrich. A colpirci, non solo le suggestive soluzioni visual & layout che sapientemente espongono la storia del brand e i capi di maggior successo. 

Woolrich- MultiExperience-e-homefeeling- nello-store-di Milano-MiRT-milanoretailtour- (1).jpg


Vi è un percorso percettivo costruito intorno a colori e stimoli sensoriali che accompagna il visitatore lungo lo spazio, sviluppando una vera e propria brand extension e facendogli strada fra nuove collezioni, angoli dedicati alla personalizzazione, fino a condurlo in un salotto indoor a completo contatto con la natura.

Woolrich-uno store- MultiExperience-e homefeeling-a-Milano-MiRT-Milano-Retail-Tour-2-.jpg


Into the wild
da intendersi non solo come rappresentazione intima dello spirito outdoor del marchio e per la possibilità di lasciare un'impronta sul nevischio, ma anche perché si è attratti dalla bellezza di allestimenti floreali che sfociano e trovano spazio in una boutique all’interno dello store dedicata alla vendita di fiori e piante.

Woolrich- MultiExperience-e-homefeeling- nello-store-di Milano-MiRT-milanoretailtour- (5).jpgWoolrich- MultiExperience-e-homefeeling- nello-store-di Milano-MiRT-milanoretailtour- (10).jpg

 

Non a caso, quest’area green è curata dal giapponese - landscape artist - Satoshi Kamawoto ideatore di Green Fingers Market, il cui motto è occuparsi di botanicals con lo stesso approccio con cui un gallerista tratta importanti opere d’arte.

Gli elementi floreali si integrano tra divani di pelle e il ritmo lento scandito dalla luce calda delle vetrate e dei lampadari di cristallo ci fa sentire coccolati da un’atmosfera calma, come in un salotto di casa.

Il concept store ospiterà inoltre capsule collection, collaborazioni, coworking e una zona caffè a completamento del processo di multiexperience e homefeeling già in atto.
customer experience efficace infografica

Elena Favini

Scritto da Elena Favini

Event planning & Content Marketing

Potrebbe interessarti